Ingegneria canina (II) – Gli standards