Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, in data 13 dicembre 2001, ha trasmesso all’ENCI copia conforme del Decreto Ministeriale n° 24445 del 12.12.2001, con il quale ha approvato il nuovo testo del disciplinare del corpo degli esperti del libro genealogico.

Con Decreto n. 21078 del 5 aprile 2002 della Direzione generale per la qualità dei prodotti agroalimentari e la tutela del consumatore (ex Div. II – Prod. Animali) – Dipartimento della qualità dei prodotti agroalimentari e dei servizi del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, vengono modificati e/o integrati gli articoli 20 e 23 del precedente Decreto Ministeriale n° 24445 del 12.12.2001.

Riproduciamo qui sotto il testo del decreto di modifica (fonte il sito ufficiale dell’ENCI: www.enci.it).

D.M. 21078 del 5.4.2002

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Dipartimento della qualità dei prodotti agroalimentari e dei servizi

Direzione generale per la qualità dei prodotti agroalimentari e la tutela del consumatore – Ex Div. II – Prod. Animali

IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 529, “Attuazione della direttiva 91/174/CEE, relativa alle condizioni zootecniche e genealogiche che disciplinano la commercializzazione degli animali di razza”;

VISTO il decreto ministeriale n. 21095 del 5 febbraio 1996, con il quale, ai sensi del predetto decreto legislativo n. 529/92, è stato approvato il Disciplinare del libro genealogico del cane di razza;

VISTO il decreto ministeriale n. 20894 del 18 aprile 2000 con il quale sono state approvate le norme tecniche del libro genealogico del cane di razza ed il disciplinare del corpo degli esperti;

VISTO il decreto ministeriale n. 24445 del 12 dicembre 2001 con il quale è stato approvato il nuovo testo del disciplinare del Corpo degli esperti;

VISTA la nota 12790 del 21 marzo 2001 con la quale l’Ente Nazionale Cinofilia Italiana (ENCI), che gestisce il libro genealogico del cane di razza, ha chiesto l’approvazione di una integrazione al disciplinare del Corpo degli esperti in conformità a quanto deliberato dalla Commissione Tecnica Centrale nella riunione del 20 febbraio 2002;

VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante “Norme generali sull’andamento del lavoro alle dipendenze dell’Amministrazione pubblica” ed in particolare l’art. 4 sull’indirizzo politico-amministrativo, funzioni e responsabilità;

CONSIDERATO che la proposta è volta ad introdurre una norma transitoria che consente di individuare un elenco iniziale di esperti giudici specialisti;

RITENUTO opportuno limitare fino al 31 dicembre 2002 la validità di detta norma transitoria ed apportare al testo proposto alcune correzioni formali;

DECRETA:

ARTICOLO UNICO

1. L’articolo 20 del disciplinare del Corpo degli esperti, approvato con D. M. 24445 del 12 dicembre 2001 è modificato come segue:

“Art. 20

L’ENCI può nominare, su richiesta dell’interessato, Esperto Giudice di Esposizione di tutte le razze (all-rounder) gli esperti che abbiano ottenuto la regolare abilitazione a tutte le razze comprese in almeno sette dei gruppi entro i quali la FCI classifica le razze canine riconosciute. In particolare, debbono obbligatoriamente essere abilitati a tutte le razze comprese nei seguenti gruppi: 1°, 2°, 7°, 9°.”.

2. All’articolo 23 del disciplinare del Corpo degli esperti, approvato con D. M. n. 24445 del 12 dicembre 2001, è aggiunto l’ulteriore seguente comma:

“4. In prima applicazione la C. T. C. compila, entro il 31 dicembre 2002, una lista di giudici specialisti, sulla base delle proposte delle associazioni specializzate di razza e sentito il parere del Comitato Consultivo degli Esperti. La scelta di tali giudici deve tener conto del curriculum di ogni interessato.”.

Roma, 5 aprile 2002

Giuseppe Ambrosio
Direttore Generale